ROMA: EMILIANO BONO E MARIO NOVELLI ADERISCONO A ITALIA VIVA

In evidenza

Roma: Emiliano Bono e Mario Novelli aderiscono a Italia viva NOVA0051 3 POL 1 NOV
Roma: Emiliano Bono e Mario Novelli aderiscono a Italia viva
Roma, 04 set – (Nova) – “Diamo il nostro piu’ cordiale
benvenuto a Emiliano Bono e Mario Novelli che hanno scelto
di aderire a Italia Viva, contribuendo ad arricchire la
squadra di Roma e del III Municipio con la propria
esperienza politica fatta di impegno, passione, competenza
al servizio dei cittadini e del territorio”. Lo dichiarano
in una nota congiunta Francesca Leoncini, assessore al
Commercio e attivita’ produttive del Municipio Roma III
Montesacro e Marco CAPPA ed Eleonora De Santis, coordinatori
di Italia Viva Roma. “In particolare, Emiliano Bono ha
militato nel centro destra romano ricoprendo l’incarico di
presidente della commissione scuola del III Municipio dal
2008 al 2013 e di capogruppo dell’opposizione dal 2016 al
2018, contribuendo a sfiduciare la disastrosa
amministrazione grillina. Mario Novelli, invece, e’ stato
eletto per la prima volta nel 2016 nelle liste del M5S in
III Municipio dove ha ricoperto il ruolo di Presidente del
Consiglio e poi rieletto nel 2018, dove e’ stato capogruppo
del M5S fino ad oggi, prima di aderire a Italia Viva. Pur
provenendo da percorsi politici differenti, Emiliano Bono e
Mario Novelli hanno condiviso le battaglie riformiste di
Matteo Renzi e il desiderio di riscattare la citta’ di Roma,
la nostra amata Capitale, dal degrado in cui e’ sprofondata
a causa della fallimentare esperienza di governo della
giunta guidata dalla Raggi. A loro vanno i nostri piu’
sinceri auguri di buon lavoro per costruire insieme
l’alternativa riformista al populismo della destra e del M5S
a Roma e proseguire nell’azione di buon governo
dell’Amministrazione di centro sinistra in III Municipio
guidata da Giovanni Caudo” concludono gli esponenti di
Italia Viva Roma. (Com)
NNNN

MUNICIPIO III, PD:M5S NON APPROVA BILANCIO, SI DIMETTE PRESIDENTE DELL’AULA

“Anche oggi la compagine M5S ha scritto un’altra memorabile pagina politico amministrativa del Municipio III. Dopo ben cinque convocazioni di Consiglio riescono nell’incredibile impresa di votare il Bilancio 2018, ma non approvandolo. Ieri senza la maggioranza presente è caduto il numero legale e oggi, come se nulla fosse, ma infrangendo il regolamento, i grillini hanno approvato – per finta – il bilancio. Abbiamo chiesto chiarimenti al Direttore del Municipio in merito. Di strappo in strappo anche la maggioranza sembra non poterne più degli atteggiamenti della signora Capoccioni, tanto che il Presidente dell’Aula Mario Novelli ha oggi rassegnato le sue dimissioni. Capiamo l’imbarazzo di tanti della maggioranza grillina a votare un bilancio che prevede 210mila euro per la fornitura di panchine, 150mila euro per la messa a norma delle recinzioni delle aree cani, e quasi 160mila euro per la sola progettazione di una fantomatica linea di trasporto a fune terrestre da Jonio a Porta di Roma, ma ad esempio nessun progetto di riqualificazione dei plessi scolastici”.

E’ quanto dichiarano in una nota i consiglieri del partito Democratico del Municipio III, Paolo Marchionne, Yuri Bugli, Francesca Leoncini e Federica Rampini.

MUNICIPIO III, LEONCINI-CORBUCCI (PD): “M5S METTE IL BAVAGLIO ALLE ISTITUZIONI DEMOCRATICHE” 

MUNICIPIO III, LEONCINI-CORBUCCI (PD): “M5S METTE IL BAVAGLIO ALLE ISTITUZIONI DEMOCRATICHE” “La maggioranza del M5S che governa il III Municipio, ormai ridotta ad una guerra per bande, non riuscendo più a ricucire i brandelli della sgangherata compagine che dovrebbe sostenere la Presidente Capoccioni, tira fuori dal cilindro l’idea di annullare la convocazione del Consiglio prevista per domani, adottando una interpretazione arbitraria del Regolamento municipale” lo dichiarano in una nota la consigliera municipale Francesca Leoncini e il coordinatore della segreteria del Pd Roma Riccardo Corbucci. “Infatti il Consiglio di domani si sarebbe dovuto aprire con la votazione sulla proposta del M5S di convocare il consiglio municipale solo una volta al mese invece che una volta a settimana. Una proposta assurda per un municipio pieno di emergenze, che guarda solo alle paure della maggioranza di finire nuovamente battuti dalle opposizioni nelle votazioni, a causa delle insanabili divisioni interne al M5S” continuano i democratici “i grillini sospendono la democrazia del consiglio per partecipare alla manifestazione contro la legge elettorale. Invece di fare quello per cui sono pagati, ovvero risolvere i problemi dei cittadini, fanno politica di partito e vanno senza alcuna coerenza a manifestare contro una inventata emergenza democratica, mentre in III Municipio mettono davvero il bavaglio alle istituzioni democratiche e ai rappresentanti eletti dai cittadini. È intollerabile l’ennesimo abuso regolamentare perpetrato dal Presidente del Consiglio Mario Novelli e dalla sua maggioranza che, senza più i numeri per governare, dovrebbe trarre le naturali conseguenze senza che a farne le spese siano i cittadini del III Municipio”.