MUNICIPIO III. GRUPPO PD: FALLIMENTO CAPOCCIONI EVIDENTE, VADA A CASA

MUNICIPIO III. GRUPPO PD: FALLIMENTO CAPOCCIONI EVIDENTE, VADA A CASA

(DIRE) Roma, 15 dic. – “Con l’addio del consigliere Valerio

Scamarcia al M5S, il terzo in questa settimana, la crisi politica

dell’esperienza di governo grillina del Municipio III e’

irreversibile. Siamo di fronte a una diaspora inarrestabile,

dovuta solo all’incapacita’ e al fallimento della Giunta della

presidente Capoccioni, che in Consiglio ora e’ ufficialmente

all’opposizione, non avendo piu’ i numeri per governare. Un

risultato raggiunto in 18 mesi di fallimenti per il territorio:

la cancellazione di importanti opere pubbliche, la chiusura di

servizi, nessun progetto per le scuole e per gli spazi pubblici,

nessun ascolto del territorio. Ora sono al capolinea, la

Capoccioni ne tragga le dovute conseguenze e vada a casa.

È quanto dichiarano in una nota i consiglieri Pd del Municipio Roma

III, Paolo Marchionne, Yuri Bugli, Francesca Leoncini e Federica

Rampini.

Annunci

MUNICIPIO III. GRUPPO PD: CAPOCCIONI SI FERMI, NO A SFRATTO CONSULTA HANDICAP

MUNICIPIO III. GRUPPO PD: CAPOCCIONI SI FERMI, NO A SFRATTO CONSULTA HANDICAP

Apprendiamo con stupore che tra le tante questioni di cui dovrebbe occuparsi il Municipio III in questi giorni i solerti amministratori M5S guidati dalla presidente Capoccioni abbiano scelto una priorita’ assoluta: sfrattare la Consulta municipale per i cittadini con handicap dai locali…

del Municipio! La Consulta dell’handicap del III e’ una delle piu’ longeve e attive delle citta’, ragione per la quale a partire dal 2012 ha avuto a disposizione una stanza nella sede di piazza Sempione, per le esigenze del proprio funzionamento. Forse questo sara’ sfuggito ai grillini, che la nostra consulta sia un organismo istituzionale, che da sempre ha svolto funzioni di critica, suggerimento alle amministrazioni in carica e promozione della difesa dei diritti delle persone con disabilita’ del nostro territorio e proprio per queste ragioni e’ ospitata in una sede istituzionale. Tutto troppo complicato evidentemente. La presidente Capoccioni si occupi delle questioni urgenti del territorio, se ne e’ capace, e lasci stare la Consulta. Se esiste un reale problema di spazi, cosa improbabile, siamo pronti a lasciare la stanza assegnata al gruppo Pd”. E’ quanto dichiarano i consiglieri Pd del III Municipio di Roma, Paolo Marchionne, Yuri Bugli, Francesca Leoncini e Federica Senza Bavaglio Rampini.

MUNICIPIO III, PD:M5S NON APPROVA BILANCIO, SI DIMETTE PRESIDENTE DELL’AULA

“Anche oggi la compagine M5S ha scritto un’altra memorabile pagina politico amministrativa del Municipio III. Dopo ben cinque convocazioni di Consiglio riescono nell’incredibile impresa di votare il Bilancio 2018, ma non approvandolo. Ieri senza la maggioranza presente è caduto il numero legale e oggi, come se nulla fosse, ma infrangendo il regolamento, i grillini hanno approvato – per finta – il bilancio. Abbiamo chiesto chiarimenti al Direttore del Municipio in merito. Di strappo in strappo anche la maggioranza sembra non poterne più degli atteggiamenti della signora Capoccioni, tanto che il Presidente dell’Aula Mario Novelli ha oggi rassegnato le sue dimissioni. Capiamo l’imbarazzo di tanti della maggioranza grillina a votare un bilancio che prevede 210mila euro per la fornitura di panchine, 150mila euro per la messa a norma delle recinzioni delle aree cani, e quasi 160mila euro per la sola progettazione di una fantomatica linea di trasporto a fune terrestre da Jonio a Porta di Roma, ma ad esempio nessun progetto di riqualificazione dei plessi scolastici”.

E’ quanto dichiarano in una nota i consiglieri del partito Democratico del Municipio III, Paolo Marchionne, Yuri Bugli, Francesca Leoncini e Federica Rampini.

MUNICIPIO III, GRUPPO PD: “M5S AFFONDA SU DELIBERA BAVAGLIO”

MUNICIPIO III, GRUPPO PD: “M5S AFFONDA SU DELIBERA BAVAGLIO”
“Tanta è la vergogna che provano i 5S di Montesacro per la ‘delibera bavaglio’ che la Giunta Raggi ha proposto, che la maggioranza eletta a sostegno della presidente Capoccioni è andata in frantumi per la seconda volta in pochi giorni. Dopo il folle braccio di ferro intentato, e perso, contro l’associazionismo sportivo, la Capoccioni oggi perde altri consiglieri sul nuovo regolamento capitolino per il diritto e di accesso ai documenti. Un nuovo sussulto contro la più assurda delle restrizioni che un’amministazione può proporre oggi, rendere più difficile e limitare il diritto di accesso ad atti che per definizione sono pubblici. Ancora più assurdo che una parte del Movimento si sia mobilitato in una difesa d’ufficio dell’indifendibile. Fortunatamente oggi il Consiglio del Municipio III ha bocciato la proposta di questo Nuovo regolamento, speriamo che qualcuno in Campidoglio ne prenda atto”.

Lo dichiarano in una nota i consiglieri del PD del Municipio III Paolo Marchionne, Yuri Bugli, Francesca Leoncini e Federica Rampini.

MUNICIPIO III, GRUPPO PD: “LA MAGGIORANZA 5S NON C’È PIÙ”

MUNICIPIO III, GRUPPO PD: “LA MAGGIORANZA 5S NON C’È PIÙ”
‘La votazione sulla proposta delle opposizioni sul bando dei centri sportivi municipali, sancisce la fine della maggioranza della presidente Capiccioni. Dopo l’uscita dal Movimento della presidente della Commissione Scuola, oggi anche tre consiglieri hanno ritenuto doveroso prendere le dovute distanze dalle scelte scellerate di questa amministrazione a danno dei cittadini e dello sport pubblico”.

Lo dichiarano in una nota i consiglieri del PD Yuri Bugli, Francesca Leoncini e Federica Rampini.
“Oggi una maggioranza variegata ha raccolto il disappunto di oltre duecento sportivi che hanno pacificamente occupato l’aula, preoccupati dal futuro delle palestre scolastiche e dello sport pubblico nel Municipio. Una importante novità che speriamo possa continuare per correggere i tanti disastri che la Giunta Capoccioni sta creando”. È quanto dichiara il capogruppo PD Paolo Marchionne.

 MUNICIPIO III, OPPOSIZIONE: “CHIESTA PIU’ TRASPARENZA A GIUNTA CAPOCCIONI”

“Maggiore trasparenza e condivisione sulle scelte per il territorio. E’ quello che si chiede alla Giunta Capoccioni nel documento approvato ieri a maggioranza (12 voti favorevoli, 7 contrari, 4 astenuti) dal Consiglio Municipale, che impegna la Giunta a una maggiore condivisione e trasparenza sugli atti che d’ora in poi adotterà” è quanto rendono noto i capigruppo delle forze di opposizione del Municipio Roma III Paolo Marchionne (PD), Cristiano Bonelli (Lista Marchini) e Vincenzo Di Giamberardino (FdI).

“In particolare la mozione redatta dalla consigliera Federica Rampini – continuano i capigruppo – impegna la Presidente del Municipio Roberta Capoccioni a portare preventivamente in Consiglio gli atti prima che questi siano adottati dalla Giunta. Il documento approvato si è reso necessario dopo che per cinque mesi troppo spesso gli stessi consiglieri di maggioranza risultavano essere all’oscuro di quanto deliberato in Giunta, soprattutto su atti che sono di competenza del Consiglio anziché della Giunta, come accaduto, ad esempio, per il bando dei mercatini di Natale, gli orti urbani, il dimensionamento scolastico.

Abbiamo preteso maggiore trasparenza da parte della Giunta su interventi di manutenzione, come su azioni di programmazione della vita del Municipio, dato che fino ad oggi sono state prese senza condividerle minimamente con il Consiglio, addirittura nemmeno con gli stessi consiglieri di maggioranza, talvolta volendoli scavalcare quando le commissioni erano già al lavoro sulle stesse tematiche. C’è infatti da sottolineare come il documento di impegno per la Giunta, a cui d’ora in avanti si chiede di cambiare radicalmente registro, sia stato approvato ieri dall’aula consiliare grazie al sostegno di alcuni consiglieri del Movimento 5 Stelle. Se la partecipazione è stata uno valido slogan per la campagna elettorale della Presidente Capoccioni, da oggi in poi dovrà diventare una prassi concreta attraverso il Consiglio e le commissioni consiliari”. 

GRUPPO PD, MUNICIPIO III: PRESIDENTE CAPOCCIONI CHIEDA SCUSA PER OFFESE AI CONSIGLIERI PD

Comunicato stampa Roma 28/10/2016GRUPPO PD, MUNICIPIO III: PRESIDENTE CAPOCCIONI CHIEDA SCUSA PER OFFESE AI CONSIGLIERI PD 

“Ieri durante la seduta del Consiglio municipale che ha visto la maggioranza del M5S turarsi il naso di fronte ad un evidente conflitto di interessi e ricompattarsi per respingere la mozione di sfiducia contro l’assessore ai Servizi Sociali Giuseppe Sartiano, la Presidente del III Municipio Roberta Capoccioni è intervenuta offendendo gravemente i Consiglieri del Partito Democratico” lo dichiarano in una nota i Consiglieri del Partito Democratico Yuri Bugli, Paolo Marchionne, Francesca Leoncini e Federica Rampini “Durante una seduta che ha visto crescere il nervosismo della maggioranza pentastellata, restìa nonostante le prescrizioni regolamentarie a votare a scrutinio segreto, probabilmente per evitare defezioni imbarazzanti al proprio interno, la Presidente Capoccioni è intervenuta rivolgendosi ai Consiglieri del Partito Democratico, unici tra le forze di opposizione presenti ad incalzare la maggioranza e l’assessore sui temi caldi della trasparenza e della legalità, per definirli degli “analfabeti funzionali” e attaccandoli con chiari intenti intimidatori su non meglio definiti legami con le inchieste di Mafia Capitale. Riteniamo l’intervento della Presidente Capoccioni un atto gravissimo di offesa e di oltraggio non solo ai Consiglieri del Partito Democratico, ma a tutto il Consiglio Municipale, perpetrato da chi dovrebbe rappresentare l’istituzione municipale al livello più alto, di fronte ai cittadini. Le offese della Presidente mettono in luce il momento di difficoltà della giunta pentastellata, che ha preso in giro i residenti di Villa Spada sulla chiusura del TMB Salario, ha creato enormi disagi alle famiglie con l’assurda gestione del bando sugli AEC ed è del tutto incapace di affrontare le grandi questioni del territorio, limitandosi a postare sui social network fotografie di qualche spazzino al lavoro. Si offende quando non si hanno argomenti a proprio favore e si cerca così di distrarre i cittadini dal vero problema: la profonda inadeguatezza della compagine pentastellata. Visto che in Aula non abbiamo avuto risposta, pretendiamo dalla Presidente del III Municipio Roberta Capoccioni scuse pubbliche per le gravissime affermazioni rese nei confronti dei Consiglieri del Partito Democratico.